Lo chiamano “la peste delle palme”: è il punteruolo rosso, noto comunemente anche come curculione, un vorace e famelico coleottero originario dell’Asia meridionale che attacca le palme e le devasta fino a provocarne la morte in poco tempo. 

Il punteruolo rosso depone tra 200 e 300 uova da cui nasceranno altrettante larve dotate di un robusto apparato masticatorio con il quale per circa 50-60 giorni, giorno e notte, scavano numerosi tunnel all’interno delle foglie, divorando e nutrendosi del tessuto fibroso e privandole di tutta la loro forza.

La presenza del punteruolo rosso è soggetta a obbligo di segnalazione alle autorità competenti che dovranno rivolgersi a ditte specializzate nell’abbattimento di palme per evitare l’infestazione.

Sono migliaia le piante che ogni anno muoiono a causa del punteruolo rosso. 

Tra le specie di palma più colpite:

  • palma delle Canarie
  • palma da cocco
  • palma da dattero
  • palma americana
  • palma nana o palma di S. Pietro
  • palma della gelatina

Dalle segnalazioni giunte dalle varie parti del mondo sembra che non siano indeni dai suoi attacchi anche l’aloe americana e la canna da zuccheroQui di seguito, cerchiamo di fare chiarezza sulle soluzioni definitive a questo grave problema.

SI PUÒ PREVENIRE IL PUNTERUOLO ROSSO DELLE PALME?

I danni causati dalle larve sono purtroppo visibili solo in una fase avanzata, quando le foglie centrali hanno ormai subito malformazioni, troncature o incisioni o addirittura quando le foglie più giovani cadono spezzandosi alla base; o ancora, quando la pianta emette un cattivo odore, a causa dell’erosione dei tessuti vegetali interni. In questi casi, la pianta non è più recuperabile e l’eradicazione delle palme è l’unica soluzione possibile.

Tuttavia è possibile cercare di prevenire l’infestazione delle palme attraverso alcune regole di buon senso che permettono di intervenire prontamente in caso di “contagio”

    PREVENZIONE E PROFILASSI DEL PUNTERUOLO ROSSO

      • effettuare ispezioni periodiche per monitorare lo stato di salute delle palme
      • eseguire la potatura delle foglie vecchie solo quando secche e al termine della stagione fredda, per proteggere la gemma apicale 
      • evitare i tagli delle foglie verdi per fini estetici e, se necessari, eseguirli in inverno lasciando un moncone della foglia 
      • disinfettare le ferite dovute ai tagli di potatura, ridiucendo le possibilità di ingresso all’insetto
      • impiegare trappole ai feromoni di aggregazione che, sebbene insufficienti per una cattura totale, permettono comunque di individuarne l’eventuale presenza

    Per combattere il punteruolo rosso esistono oggi, fondamentalmente, due opzioni: 

    1. la classica lotta chimica mediante l’impiego di pesticidi
    2. la lotta biologica, utilizzando antagonisti naturali

    Eliminare il punteruolo rosso con interventi chimici

    La lotta chimica al punteruolo rosso prevede il ricorso a insetticidi di sintesi a base di principi attivi ciclicamente registrati dal Ministero della Salute i quali, spruzzati su tutta la pianta, uccidono le larve già presenti e vanno a colpire il ciclo biologico del punteruolo rosso, impedendo per esempio la deposizione delle uova.

    I trattamenti chimici per combattere il punteruolo rosso dovrebbero essere iniziati tra febbraio e marzo e ripetuti mensilmente fino a novembre. Con questo genere di trattamento sarà possibile.

      Eliminare il punteruolo rosso con la lotta biologica

      L’alternativa ai pesticidi è il ricorso a un antagonista naturale del punteruolo rosso, i  nematodi entomopatogeni, che attacca le larve comportandosi da parassita

      Il periodo migliore per mettere in atto le soluzioni per il controllo biologico è da settembre a ottobre, che coincide con il momento della deposizione delle uova e dello sviluppo quindi delle nuove larve. Il prodotto va irrorato direttamente sulla gemma apicale, sia sul germoglio centrale che sulle foglie laterali.

        Hai bisogno di un intervento per abbattere le palme malate?

        Guarda i nostri lavori e scopri tutti i nostri servizi

        AFR è composto da professionisti che vantano esperienze pluriennali nei loro settori di competenza. Curiamo ogni dettaglio, stando attenti alle esigenze e al budget del cliente, garantendo la massima disponibilità ed efficienza. 

        © 2018 AFR

        CONTATTI

        Via Costalovaia, 10 A 16012 Busalla (GE)

        +39 010 96 41 461

        info@afrecologia.it

        SDI: W7YVJK9

        Chiama Ora