Sicuramente sarà capitato a tutti, almeno una volta, di doversi liberare di un rifiuto ingombrante in casa: vecchi mobili, materassi, elettrodomestici e tanto altro ancora.

Si tratta di rifiuti che non possono essere conferiti allo stesso modo di quelli solidi urbani, comunemente trattati attraverso l’ordinaria raccolta differenziata (carta, plastica, vetro, secco, umido).

Vediamo di capire innanzitutto cosa sono i rifiuti ingombranti.

COSA E QUALI SONO I RIFIUTI INGOMBRANTI

Il Codice Europeo dei Rifiuti definisce rifiuto ingombrante “un rifiuto residuo di grandi dimensioni che non ha trovato collocazione in altre tipologie di raccolta differenziata; in altre parole, è ingombrante il rifiuto che residua da tutte le raccolte differenziate, avente dimensioni unitarie tali da non poter essere conferito all’ordinario sistema di raccolta del secco residuo.”

Bisogna pertanto considerare non solo le dimensioni ma anche la composizione, se cioè è  composto da materiali diversi tra loro, che non possono quindi essere smaltiti attraverso un unico processo: la mancanza di un materiale prevalente rende impossibile conferire il rifiuto all’interno del bidone specifico, ma non può nemmeno finire in quello del secco indifferenziato o, peggio ancora, nei cestini pubblici presenti nelle varie aree urbane.

Si tratta per esempio di: 

  • materiali di ferro come reti da letto, sedie, scaffali, schedari, lampadari (no lampade e lampadine), mobili da esterno, soprammobili, pentole, tegami e utensili da cucina
  • materiali in legno quali mobili, scrivanie, sedie, tavoli, credenze, librerie, tavolini, letti, comò, comodini, armadi, poltrone, divani e inoltre giocattoli voluminosi, biciclette, zaini, valigie e borsoni, materassi

    Rifiuti ingombranti e RAEE sono la stessa cosa?

    No, i rifiuti elettrici ed elettronici (ad esempio televisori, computer, stampanti, lampadine, elettrodomestici grandi e piccoli, telefoni cellulari) prevedono un processo di gestione diverso rispetto a quello tradizionale. Tuttavia alcuni RAEE come i grandi elettrodomestici (lavatrici, frigoriferi, lavastoviglie) vengono assimilati agli ingombranti e hanno lo stesso iter di conferimento, anche se poi il trattamento successivo è differente. 

    Nel caso dei grandi elettrodomestici c’è da dire che ormai tutti i rivenditori, nel momento in cui si acquista un nuovo prodotto, offrono il servizio di ritiro dell’usato, facendosi carico dello smaltimento del RAEE.

      DOVE E COME SMALTIRE I RIFIUTI INGOMBRANTI

      Ogni Comune o area metropolitana dispone di un servizio pubblico di raccolta degli ingombranti, ma le modalità (limite massimo di oggetti, caratteristiche, etc.) variano da zona a  zona.

      In ogni caso, i principi e le normative alla base della gestione dei rifiuti ingombranti è sempre la stessa e prevede due possibilità:

          1. recarsi presso l’isola ecologica del proprio comune: i vari centri di raccolta allestiti dagli Enti locali si occupano di smaltire i diversi tipi di rifiuti, inviandoli agli opportuni impianti di trattamento
          2. richiedere il servizio di raccolta a domicilio, su prenotazione. In alcuni casi è previsto il ritiro direttamente in casa, in altri sarà necessario lasciare i rifiuti al piano strada.

      IL RIUSO

      Esiste poi una terza via, la più ecologica di tutte: il riuso. Non solo in forma privata (tramite annunci o chiedendo direttamente ai propri amici e conoscenti se potrebbe risultare utile l’oggetto che hai intenzione di buttare), ma anche rivolgendosi ai sempre più numerosi centri per il riuso, ormai presenti in moltissimi Comuni. I centri del Riuso sono aree attrezzate nelle quali alcuni utenti possono consegnare i beni di cui intendono disfarsi mentre altri possono prelevarli per riutilizzarli. Non solo, quindi, allungano la vita dei vari oggetti, ma diffondono una cultura, quella del riuso, che oltre a tutelare l’ambiente è espressione di valori di solidarietà sociale, in quanto permette di aiutare concretamente i cittadini meno abbienti.

        Hai bisogno di liberare casa da un rifiuto ingombrante?

        AFR è composto da professionisti che vantano esperienze pluriennali nei loro settori di competenza. Curiamo ogni dettaglio, stando attenti alle esigenze e al budget del cliente, garantendo la massima disponibilità ed efficienza. 

        © 2018 AFR

        CONTATTI

        Via Costalovaia, 10 A 16012 Busalla (GE)

        +39 010 96 41 461

        info@afrecologia.it

        SDI: W7YVJK9

        Chiama Ora